Presentazione

La banca dati svizzera delle scritture personali è il risultato di progetti successivi sostenuti dal Fondo nazionale svizzero per la ricerca scientifica. Il primo, Deutschschweizerische Selbstzeugnisse (1500-1800) als Quellen der Mentalitätsgeschichte, è stato realizzato tra il 1996 e il 2003 sotto la direzione di Kaspar von Greyerz all’università di Zurigo e poi a quella di Basilea. I due seguenti, L’éducation domestique au miroir des écrits personnels en Suisse romande (1750-1820) e Valorisation scientifique des écrits personnels de Suisse latine (1500-1820), attualmente in corso, sono diretti da Danièle Tosato-Rigo (università di Losanna). Nei tre progetti, l’inventario delle fonti si è svolto in parallelo alla valorizzazione scientifica di un certo numero di questi scritti e dei corrispettivi fondi d’archivio nell’ambito di lavori di master, tesi di dottorato e pubblicazioni diverse (vedi bibliografia). Dei numerosi documenti che nel frattempo ci sono stati segnalati dagli archivi e dalle biblioteche, solo una parte è stata ad oggi integrata alla banca dati e ciò a causa di risorse limitate.

La banca dati presenta delle scritture personali redatte principalmente tra il 1500 e il 1820 e conservate presso i principali archivi (essenzialmente universitari, cantonali, municipali ed ecclesiastici) e nelle maggiori biblioteche della Svizzera (vedi Lista delle istituzioni).

Nella categoria di «scritture personali» sono inclusi tutti i testi nei quali una persona lascia una testimonianza diretta su se stessa, la propria cerchia familiare o la propria comunità d’appartenenza. Ne fanno tra l’altro parte le autobiografie, i diari, i resoconti di viaggio, i libri contabili, i libri di famiglia e le cronache. Sebbene rientri in questo insieme, la corrispondenza epistolare non è stata inclusa nella banca dati per ragioni pratiche. Questa scelta non implica che un futuro ampliamento della banca dati debba rispecchiare questo criterio.

La banca dati non può essere considerata come un inventario esaustivo. Essa riflette piuttosto delle politiche di conservazione e di conseguenza non rende conto della totalità degli scritti prodotti durante il periodo considerato.

Delle correzioni potranno essere apportate alla banca in seguito a feedback d’utenti.

 

Direzione progetti :

Prof. Kaspar von Greyerz, Université de Bâle

Prof. Danièle Tosato-Rigo, Université de Lausanne

Collaboratori/trici scientifici/che :

Sebastian Leutert, Université de Bâle

Gudrun Piller, Université de Bâle

Lorenz Heiligensetzer, Université de Bâle

Sylvie Moret Petrini, Université de Lausanne

Fiona Fleischner, Université de Lausanne

Maïla Kocher Girinshuti, Université de Lausanne

Miriam Nicoli, Université de Lausanne

Collaborazione esterna :

Roland Hofer, archiviste d’état, Schaffhouse

Urs Martin Zahnd, Université de Berne

Nathalie Dahn, Université de Lausanne

Supporto tecnico :

Jacqueline Frey, Université de Lausanne, Centre informatique

Isabelle Moullet, Université de Lausanne, Centre informatique

Informatica :

Tilmann Robbe, Université de Bâle / Stuttgart

Patrice Binand, Université de Lausanne, Centre informatique

Christophe Pham, collaborateur externe

Nicolas Mermoud, Université de Lausanne

Elaborazione della banca dati FileMaker :

Jan Hodel

Karl Larson

Elias Kreyenbühl